Problemi in amore – l’importanza di dire TI AMO.


     love

     Oggi farò un’eccezione dalle regole e non scriverò sullo sport o sulle proprietà benefiche di qualche frutto,ma parlerò dell’amore che, non solo fa bene alla nostra salute, ma è il cibo della nostra anima.

     Ieri sera stavo davanti alla televisione insieme al mio ”LUI” ,e per l’ennesima volta l’ho domandato,più per stuzzicarlo,perchè tanto la rsiposta la sapevo già:” ma mi ami?” e lui come al solito risponde”Si,certo”.Io ribatto ”allora perchè non me lo dici mai?” ,aspettando una sua risposta che tanto non arriva mai…E voi sicuramente pensate” ma che razza di insensibile è questo!”

    Cosi stamattina ho deciso di scrivere sull’importanza di dire TI AMO….E’ importante dire ti amo?A mio avviso SI,è importante dire e sentire il TI AMO,ma soltanto perchè ogni tanto è carino sentirlo.E’ piacevole sentirlo,ma è FONDAMENTALE dimostrarlo.

   E NO,il mio ragazzo non è un’insensibile,altro chè,lui è una persona seria,dolce,protettiva e molto molto affettuosa.

   Lui non me lo dice spesso e nemmeno non c’è bisogno che lo faccia, perchè io sento il suo TI AMO in ogni suo  abbraccio, quando alle sei di mattina mi abbraccia e mi da il bacio prima di andare a lavorare,lo sento dire TI AMO ogni volta quando, protettivo mi dice ”amore ,ti farà freddo, vestiti!”.Io sento il TI AMO ogni volta che alla fine della giornata ci raccontiamo tutto,lo sento dire ogni volta che ridiamo insieme fino alle lacrime per qualche cavolata,lo sento dire ogni volta che qualche piccola cosa lo fa emozionare fino alle lacrime.Io il TI AMO lo sento  anche quando litighiamo e lui,anche se passano delle ore,non si muove di casa finchè non pacifichiamo,lo sento dire ogni volta che io ho dei problemi e nei suoi occhi leggo la preoccupazione,lo sento dire ogni volta quando per il mio compleanno  nasconde i miei regali in tutti i posti possibili per farmi di belle sorprese.Sento il TI AMO anchè quando, ogni tanto mi fa qualche scenata di gelosia e fa il duro dicendo” ma no,non per gelosia,soltanto per principio”, lo sento dire in tutto quello che lui fa per me e non mi serve altro, perchè più di usare le parole LUI è in grado di dimostrarmelo pienamente usando soltanto la forza dei FATTI…

    E NO,non pensiate che noi siamo la coppia perfetta! Ognuno abbiamo un carattere forte e i suoi difetti e, a delle volte,ci scontriamo di brutto, però più è forte il nostro scontro, più è dolce poi pacificare…

Annunci

L’ACQUA è l’origine della vita-consigli per una pelle sana e bella.


      acqua

       Sapete,io sono una di quelle persone che beve acqua soltanto quando si ricorda!Raramente ho sete, e questo succede soltanto dopo aver divorato una pizza con patatine fritte.Confeso che questo è un” peccato di gola ”di cui non posso proprio farne a meno! Insomma tutti dicono che si devono bere ogni giorno almeno due litri di acqua e io non c’è la faccio proprio.O almeno fino adesso non c’è la facevo.Mi sforzerò perchè ,ascoltando una bella intervista sull’argomento, ho capito l’importanza dell’acqua non soltanto per la mia salute,ma anchè per la bellezza della mia pelle.Adesso capisco perchè, anche se uso delle creme idratanti, ho sempre la pelle secca.

        L’ACQUA, ”l’origine della vita” ,è alla base di tutte le forme viventi conosciute e copre il 70,8% della superficie del pianeta .Inoltre è il principale costituente del corpo umano, in percentuali variabili a seconda dell’età, del sesso e del peso (il  65% del peso corporeo, diminuendo gradualmente all’avanzare dell’età).

       Ogni persona deve bere ogni giorno in base all’attività fisica,in base all’attività psicologica e in base a delle diverse esigenze del proprio organismo.Per intenderci meglio,alcune persone sudano di più delle altre e di conseguenza ne devono consumare più acqua.Però attenzione,il consumo minimo giornaliero deve essere assolutamente non meno di due litri,che sia acqua o succo di frutta o frutta.

       Come già detto, io faccio parte della categoria di persone che consumano poca acqua,ma ci sono quelle persone che ne consumano litri e litri, perdendo anche il conto di quanta ne bevono.E da qui nasce una domanda spontanea ” fa male bere troppa acqua?”. La risposta che ha sorpreso anche a me è Si,ma solo in alcuni casi.In medicina esiste il termine di ” intossicazione da acqua”.Tranquilli amanti dell’acqua,l‘intossicazione da acqua è un disagio correlato al quadro clinico generale associato,ovvero è associata alle persone che presentano dei disturbi metabolici dovuti:

  •       a un’inappropriata secrezione di ormone antidiuretico ADH(l’ipersecrezione ormonale di ADH che provoca la riduzione eccesiva (per diluizione) del sodio extracellulare a causa di un esagerato riassorbimento di acqua a livello renale);
  •       all’abuso di farmaci antidiuretici(, clorpropamide,acetaminofene ed indometacina), che potenziano l’azione dell’ADH ed inibiscono la regolazione renale
  •      al deficit di glucocorticoidi (ormoni steroidei prodotti dal surrene).
  •      a nefropatie croniche che determinano una riduzione del filtrato glomerulare, aumentando l’idratazione corporea e diluendo conseguentemente il sodio contenuto;
  •      all’ipotiroidismo che determina un accumulo di sostanze iperosmotiche nel sottocute che, richiamando acqua, favoriscono il richiamo di fluidi interstiziali.
  •      all’ipovolemia acuta causata da una riduzione  del volume plasmatico che deve essere subito curata  mediante terapia farmacologica;
  •      all’errore nell’idratazione dello sportivo(iponatriemia cerebrale) che ha come conseguenza uno scompenso metabolico,dovuto  alla sudorazione eccessiva e alla carenza di sali  minerali.
 

         Un altro chiodo fisso per me è stato sempre il fatto di sentire dire che l’idratazione è più importante d’estate .E di nuovo SORPRESA,niente di più falso!E’ vero che d’estate, magari si tende a bere di più acqua sia per il caldo,sia per il fatto che si suda di più,ma è molto importante idratarsi anche d’inverno  per aiutare i meccanismi di produzione del calore.L’organismo ha il proprio meccanismo fisiologico di regolazione della temperatura corporea, governato dall’ipotalamo, che reagisce ai fattori climatici esterni, mettendo in atto i meccanismi di produzione o dispersione del calore per mantenere la temperatura corporea costante sui 37°C, indipendentemente dalla temperatura esterna(la termoregolazione).Di conseguenza se l’organismo ha bisogno di calore (se, quindi, fa freddo,inverno), attiverà la sua produzione di calore attraverso il metabolismo prendendo l’energia dall’attività muscolare e dall’alimentazione. Se, al contrario, l’organismo deve perdere calore (perché fa caldo), attiverà il processo di sudorazione e di minzione. L’acqua partecipa inoltre alla digestione, favorendo il transito intestinale e l’assorbimento delle sostanze nutritive.

        Passiamo al nostro punto debole,LA BELLEZA E LA GIOVINEZZA DELLA NOSTRA PELLE.Anche in questo l’acqua ha una notevole importanza  in quanto aiuta a trasportare alla pelle quello che ha bisogno ossia dei nutrienti, in tutti i distretti corporei.All’incontrario, aiuta a eliminare dalla pelle, tramite urina e sudorazione, quello che non serve,ovvero le tossine.Bevendo tanta acqua,si aiutano i meccanismi che puliscono la nostra pelle e di conseguenza si attiva il rinnovamento delle cellule.E si sa da sempre che l’acqua è anche un’importante arma nella lotta contro il grasso, essendo di grande aiuto al metabolismo nel processo’brucia grassi’.

      Ho parlato delle persone che bevono ,del fatto che l’acqua è molto importante e si deve bere più possibile,ma che fine fanno le persono che bevono pocchissima acqua?Ahimè,le notizie non sono delle migliori,armatevi di pazienza e fate uno sforzo perchè ci si rischia un ‘invecchiamento precoce della pelle e di tutto l’organismo e inoltre il vostro aspetto sarà di una persona sempre stanca!

    Si è vero,ho detto il ”vostro aspetto” perchè io decisamente consumerò di più acqua,scegliendo un corpo più idratato e di conseguenza più bello.A VOI LA SCELTA!

LE CELLULE STAMINALI E LA LORO IMPORTANZA PER SALVARE LA VITA!


   cellule

     Mentre andavo a visitare un’amica che ha appena partorito, mi sono soffermata a leggere un piccolo manifesto attaccato su una porta nel reparto di ostetrica e ginecologia,un manifesto che parlava delle banche di conservazione delle cellule staminali.La cosa mi ha incuriosita parecchio perchè ho pensato al fatto che le cellule staminai possano salvare delle vite.Quel poco che sapevo era il fatto che le cellule staminali vengono estratte dal cordone ombelicale e conservate per poi essere donate a delle persone sofferenti di diverse malattie.Abbastanza curiosa sul argomento, mi sono proposta una volta tornata a casa ,di approffondire il discorso.

   Le cellule staminali sono cellule primitive che hanno la capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo(moltiplicarsi) attraverso un processo denominato differenziamento cellulare.Ciascuna cellula staminale realizza l’autorinnovamento e tramite la divisione dà origine ad un’altra staminale, ad un’altra cellula destinata a differenziarsi .

   Le cellule staminale sono oggetto di studio da parte dei ricercatori per curare determinate malattie.  Le cellule staminali contenute del nostro organismo risiedono solamente in certe aree del nostro corpo, quelle più importanti si trovano nel cervello, nel midollo osseo, nello strato di pelle più profondo chiamato derma e in altre zone come i vasi sanguigni e la polpa dentaria. Gli altri tipi di cellule staminali in grado di differenziarsii in molti più tipi di cellule sono prelevabili da altre fonti come il cordone ombelicale di un bambino appena nato,dal liquido amniotico che circonda il feto durante la gestazione,dalla placenta.

    La cellula staminale adulta . Sono le cellule staminali presenti nell’adulto che si riproducono giornalmente per fornire alcune specifiche cellule: ad esempio 200 miliardi di globuli rossi sono generati ogni giorno nel corpo da cellule staminali emopoietiche adulte. Le staminali adulte  del midollo osseo possono trasformarsi in cellule epatiche,neurali,muscolari,renali e follicolari. Caratteristiche molto simili o identiche si ritrovano anche nelle cellule staminali contenute nel tessuto adiposo, presenti in abbondanza e facilmente prelevabili con una semplice lipoaspirazione.

    Le cellule staminali  contenute nella placenta si differenziano cellule staminali dai villi coriali placentari e cellule staminali da frammenti placentari come ad esempio la membrana amniotica.Si tratta di cellule staminali ad alto potenziale, con notevoli capacità replicative.Vengono utilizzate per il trattamento di alcune patologie della vista e per la riparazione del muscolo cardiaco.

   Le cellule staminali dal villo coriale: sono contenute nei villi coriali della membrana placentare e vengono utilizzate nella medicina rigenerativa, avendo buone capacità riproduttive e ottima stabilità genomica. Vengono prelevate da un frammento di placenta subito dopo il parto.

   Cellula staminale ematopoietica: il sangue residuo della placenta e del cordone ombelicale costituisce una fonte di cellule staminali che danno origine a tutte le cellule del sangue.Queste cellule staminali da cordone ombelicale sono impiegate per curare il morbo di Gunther, la sindrome di Hurler, la leucemia linfocitica acuta e molte altre patologie che interessano in particolare i bambini. Il sangue è raccolto dal cordone ombelicale  facendo un prelievo  dalla vena ombelicale. Una volta raccolto, ne viene calcolato il volume e la quantità di globuli bianchi, che non devono essere inferiori, rispettivamente, a 800 milioni.

   Le cellule staminali amniotiche provengono dal liquido amniotico e possono essere ottenute tramite l’amniocentesi.I risultati ottenuti dalle ricerche rilevano il fatto che queste staminali sono utili nelle malattie della retina, del diabete, nelle malattie neurodegenerative, per la chirurgia ricostruttiva, per malattie rare.

   Cellule staminali embrionali (ES): sono cellule pluripotenti ricavate dalla massa cellulare interna della blastocisti(ovuli fecondati in vitro).Le cellule staminali  embrionali sono ricavate per mezzo di coltura, da un embrione nei suoi primi giorni di vita, quando è ancora chiamato blastociste cioè un embrione di circa 150 cellule. L’embrione quindi viene distrutto e le sue cellule staminali embrionali vengono prelevate per l’utilizzo. Queste cellule, una volta estratte, possono essere messe in coltura e fatte proliferare .Sono il principale strumento degli studi per la rigenerazione di alcuni tessuti come ad esempio i cardiomiociti cardiaci, i neuroni o gli epatociti.

    La conseravzione delle cellule staminali avviene in due modi:

     La conservazione autologa avviene nelle banche private.Il sangue, prelevato dal cordone ombelicale, viene conservato per il bambino o per i famigliari compatibili in caso di malattia. La conservazione autologa essendo vietata, in Italia, avviene in banche private all’estero che richiedendo un pagamento via internet, forniscono ai richiedenti un kit per prelevare il sangue del cordone del bambino, per poi inviarlo all’estero.

    La conservazione eterologa invece avviene nelle banche pubbliche. Il sangue prelevato dal cordone in questo caso è conservato o utilizzata per i bambini affetti da gravi malattie patologiche. Infatti i genitori possono scegliere di donare questo sangue alle banche pubbliche che, in caso di compatibilità, potranno donarlo alle persone che ne avranno bisogno (donazione eterologa).

    Le cellule staminali vengono conservate perché si prevede che in futuro saranno un elemento di cura contro linfomi,leucemie e tumori, utili nella terapia genica e tissutale, nel trattamento di patologie ereditarie, ma per il momento, vengono utilizzate fondamentalmente in alternativa al trapianto di midolo osseo.

    In Italia sono attive banche pubbliche di cellule cordonali e banche di cellule staminali di varia natura, tra cui le amniotiche.

    E’ di massima importanza pensarci bene,a mio avviso, al gesto di DONARE perchè, se per noi a volte DONARE può significare soltanto un piccolo gesto,magari per chi riceve puo significare TUTTO ,può significare la VITA...

ADDIO ACNE-CAUSE E CONSIGLI PER PREVENIRE E CURARE L’ACNE.


   bruffoli

    Come ogni mattina,ormai per me è un’abitudine il fatto di detergere e applicare acqua tonica sul viso.Però oggi ho avuto un grosso dispiacere quando, trovandomi davanti allo specchio,ho scoperto di avere sulla fronte,per l’enessima volta,un grossissimo e gialissimo bruffolo.Uffa ho pensato,ma quando riusciro finalmente a liberarmene?E io lo confesso,me ne libero subito,e senza pensare alle conseguenze,lo schiaccio senza un minimo di pietà.Sarà apparso perchè sono all’ovulazione,sarà apparso perche il mio medico mi ha detto che sto subendo dei cambi ormonali?Non lo so,ma senza pensarci più di tanto cerco in rete un pò di informazioni.

    Il dott Kasem Abu Bakr, medico estetico dei vip,sostiene il fatto che l’acne è il problema della crescita,associato ai cambi ormonali che subisce il corpo nella sua evoluzione .Però l’acne può essere anche dovuta a delle infezioni della pelle,ad un’alimentazione sbagliata,ad un sistema immunitario basso e anche a dei problemi interni nascosti come delle disfunzioni al livello delle ovaie.E’ molto importante,quando ci si presenta dal dermatologo per l’acne, di portare  delle analisi complete per stabilire con esattezza la causa dell’acne.

  Il primo consiglio del dottore riguarda una coretta igiene del viso ,in quanto l’uso di un buon sapone antibatterico risolve il problema al 50%.Una volta stabilita la causa si agisce sia a livello generale che a livello locale.

  Se il problema è del tipo ormonale si agisce sul disturbo ormonale.

  Se il sistema immunitario è basso si assumono dellle vitamine e degli integratori necessari per poterlo rinforzare.

  Si deve comunque correggere l’alimentazione non mangiando troppo dolce,fritto, grasso e aumentando le porzioni di frutta e verdura.

  Se il problema è interno ci si deve presentare allo specialista in causa per risolvere l’infezione interna.

  Dopo aver agito a livello generale, ci si agisce a livello locale,la dove i bruffoli hanno lasciato dei brutti segni,brutte cicatrici che non è facile cancellare.Per questo lo specialista raccomanda delle creme particolari,in base al caso presentatosi, e dove è necessario raccomanda anche l’uso del laser.

   Esistono in commercio diverse classi farmaceutiche utili per la cura dell’acne. Il metronizadolo agisce come antinfiammatorio contro un protozoo, Demodex brevis, meglio noto come acaro; efficace per il trattamento dell’acne rosacea.
   I retinoidi sono potenti farmaci dermatologici, largamente impiegati. In particolar modo l’acido retinoico o tretinoina,  applicato a livello cutaneo, favorisce la desquamazione dei cheratinociti ed il ricambio cellulare; per questo motivo con i primi trattamenti si lamenta un peggioramento della patologia, mentre l’effetto terapeutico si manifesta nel tempo.
   Lisotretinoina, un retinoide di sintesi impiegato per la terapia dell’acne cistica. Il trattamento avviene per somministrazione orale ed è molto efficace: effetti collaterali: oltre a secchezza ed irritazione della cute.
   Il perossido di benzoide e l’acido azelaico, sono entrambi impiegati come antimicrobici ad uso topico.

   La Bardana: ha un’azione antibiotica, depurativa; riduce la proliferazione batterica nel follicolo senza indurre i precedenti effetti collaterali; impiegata frequentemente per il trattamento di acne ed eczemi.

   Viola tricolore: contenete flavonoidi ad azione depurativa, emolliente ed antinfiammatoria.

   Olio di malaleuca ad azione antibatterica, è impiegato per il trattamento dell’acne foruncolosa.

    Mi raccomando i bruffoli non si devono toccare perche, per ogni bruffolo schiacciato ,ne escono altri tre e i bucchi che ci rimangono aggravano la situazione e prolungano di tanto i tempi di guarigione.

   Avete dei bruffoli?Forza e coraggio,subito a fare le analisi e soprattutto armatevi di pazienza:i bruffoli non si schiacciano!

GAG-L’ALLENAMENTO CHE IN POCCHI MINUTI TONIFICA GAMBE ADDOMINALI E GLUTEI!


gag

Oggi,visto che ho avuto un week-end pieno di mare,sole,relax ma anche di tanto cibo,ho deciso di iniziare la settimana in forza e salute.Girovagando di qua e di la su youtube ho trovato qualcosa di molto interessante!E giustamente mi sono messa subito a provare….Sorpesa,dopo soli 20 minuti di allenamento, estremissimo per me che non sono una grande amante dello sport,sono sfinita.Le mie gambe,glutei e addominali si fanno FINALMENTE sentire, e c’è da dire il fatto che SI,sono sfinita ma molto contenta perchè il mio stato è la testimonianza che quest’allenamento chiamato GAG ,acronimo per GAMBE-ADDOMINALI-GLUTEI,funziona,eccome se funziona!

In pratica GAG è un allenamento che alterna una serie di esercizi,sostenendo lo stesso ritmo.Lo scopo di quest’allenamento è di stimolare i muscoli e di tonificare glutei,addominali e gambe.Tutto quello di cui avete bisogno è un tappetino e un paio di scarpe buone da ginnastica.Bastano tre giorni in settimana(un giorno si,uno no) e ”i risultati si vedranno dopo sei, otto settimane di lavoro” come spiega il medico dello sport Sergio Lupo,il quale è responsabile del sito www.sportmedicina.com.

E’ fondamentale,prima di iniziare l’allenamento, di fare un riscaldamento di circa 5 minuti(dei salti sul posto). Ogni singolo esercizio deve essere eseguito per almeno 20 volte con una pausa tra una sessione e l’altra di 3 minuti. Il ciclo di esercizi deve essere ripetuto per altre 2 volte. Per ottenere degli ottimi risultati è consigliato praticare quest’attività per 6 settimane per 3 volte a settimana. La durata complessiva dell’allenamento quotidiano è di 30 minuti ed è molto importante concluderlo con almeno dieci minuti di stretching .Oltre che in palestra, gli esercizi di GAG possono essere svolti anche a casa o alla’aperto nel parco.

Non scordiamoci i benefici che l’attività fisica porta alla nostra salute:controllo del peso corporeo,miglioramento dell’efficienza muscolare,prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari,prevenzione e cura diabete e ipercolesterolemia, minor rischio di osteoporosi e miglioramento dell’umore e della sensazione di benessere.

Adesso vi lascio in compagnia di una bella ragazza che vi farà vedere come si esegue l’allenamento GAG

Bye Bye girls e buon allenamento!!!

IL MELOGRANO,ANTIINVECCHIAMENTO NATURALE!


melograno

Visto che l’autunno è alle porte oggi mi soffermo su un frutto che si raccoglie in questo meraviglioso periodo, ovvero Punica Granatum, ritenuto originario dell’Asia sud – occidentale.Le foglie sono lucide, strette ed allungate larghe cca 2 cm e lunghe 4–7 cm,i fiori sono di un vivo colore rosso(alcune varietà sono a colore bianco o rosato) e Il frutto è una bacca con buccia molto dura, ha forma rotonda o leggermente allungata e con dimensione fortemente condizionata dalla varietà e, soprattutto, dalle condizioni di coltivazione. I semi, di colore rosso, in alcune varietà sono circondati da una polpa traslucida colorata dal bianco al rosso rubino, nel frutto commestibile dolce e profumata.

Ma quello che lo rende particolare è il fatto che il melograno, è ricco di potassio( azione diuretica e drenante)  manganese, zinco,calcio,ferro, rame e fosforo,retinolo,niacina,vitamine: A, B, C, E e K; acqua, zuccheri e fibre,proteine,polifenoli,flavonoidi.Essendo ricco di tutti questi elementi è noto come ottimo aiuto nei problemi:

   Problemi articolari: il melograno è un ottimo alleato in caso di artrite e di problemi di natura articolare in generale, evitandone la degenerazione;

Menopausa: aiuta a contrastare i disturbi più tipici della menopausa, in particolare problemi osteoarticolari e depressione;
Ottimo nella prevenzione di alcuni tipi di tumori: alla prostata, polmoni, seno, pelle. Da annotare l’importanza dell’acido ellagico,un forte antiossidante che contribuisce ad un buon metabolismo cellulare,contrastando i radicali liberi e rallentando la progressione di alcuni tipi di tumori ;

Disturbi allo stomaco e all’intestino: è un ottimo astringente;

Ottimo per chi fa una vita sedentaria,per chi segue una dieta scorretta e anche per chi ha il colesterolo e i trigliceridi alti;

Il melograno ha delle proprietà vermifughe, sperimentate già dall’antichità soprattutto in caso di verme solitario (Tenia solium).

Grazie alla presenza di potassio, questo frutto è ottimo anche per aiutare la microcircolazione.

Un vero toccasana per chi ha dei problemi cardiovascolari: abbassa la pressione sanguigna, aiuta in caso di arteriosclerosi e riduce in generale il rischio di malattie all’apparato cardiocircolatorio.

La dottoressa Lina Badimon, testando durante un esperimento dei ricercatori , gli effetti di una pillola che era un concentrato di sostanze antiossidanti, come i polifenoli, estratte dal melograno ha sostenute il fatto che «Arricchire una dieta con i polifenoli della melagrana può aiutare a prevenire e ritardare le disfunzioni endoteliali, che sono tra i primi segni di aterosclerosi e ictus».

La buona notizia,care donne come me, sempre alla caccia dei più potenti antiossidanti,è che IL MELOGRANO ne contiene anche più del tè verde.Nello specifico,i flavonoidi e l’acido ellagico attivano il rinnovamento cellulare e contrastano i radicali liberi.

Il melograno si trova in natura come frutto o in farmacie,parafarmacie e erboristerie sotto forma di integratore associato ad altri potenti antiossidanti.Anche l’industria cosmetica ne fa tanto uso,il melograno essendo integrato in creme e prodotti di bellezza efficientissimi, per la gioia di tutte noi che vogliamo preservare la bellezza e la giovinezza della nostra pelle.

Quindi care donne, tanti antiossidanti e tanta bellezza!

articolo simile https://vtvasiceda4.wordpress.com/2014/08/12/mirtilli-per-essere-piu-snelle-e-piu-belle/
 

.

 

STOP ALLA VIOLENZA SULLE DONNE!


violenza

E’ da giorni che i telegiornali parlano di donne giovani uccise dai mariti.Per l’ennesima volta mi sento inerme e piena di rabbia perchè non  credo sia possibile che nessuno sapesse dei problemi di queste coppie.Dei problemi di questi mariti prepotenti che  ,non solo non sono in grado di vivere piú con queste donne ,ma nemmeno gli permettono più di vivere senza di loro.E dire PERMETTERE è molto forte perchè nessuno e poi NESSUNO ha il diritto di decidere quando una vita deve finire.

Qualcuno deve proteggere e aiutare queste donne in difficoltá,e chi li sente e sa quello che passano, deve avere il buon senso di consigliarle a chiedere aiuto a chi di competenza.Perchè le istituzioni ci sono, però manca il coraggio di denunciare.C’è solo la vergogna,il terrore e a volte l’ingiustificato  senso di colpa, che macerano le anime di queste povere vittime…

Denunciamo la VIOLENZA,diciamo STOP e proviamo ad aiutare ogni volta che ci capita di incontrare una persona in difficolta!

Magari non possiamo salvare il mondo ma forse salveremó UNA VITA.

https://vtvasiceda4.wordpress.com/2014/06/18/soprusi-e-liti-stop-alla-matanza-delle-donne/

Centro Antiviolenza per le donne.CHIAMA 1522 e AIUTERANO a te o chi è in difficoltà!!!